Volano le borse europee. In seguito alle dichiarazioni della presidente della Fed (banca centrale americana), Janet Yallen, secondo le quali verrà frenata la politica di rialzo dei tassi, le borse del vecchio continente hanno fatto riportare vistosi segni più.

Bene Piazza Affari

Prima su tutte Piazza Affari, che chiude con un +5%, trasportata dalla forte crescita dei titoli bancari che tanto stanno contando negli ultimi tempi. Nonostante ciò, il bilancio settimanale del listino milanese è sotto di 3 punti. Tra i titoli bancari in maggior crescita, diversi sono quelli che subiscono un rimbalzo a doppia cifra: Intesa San Paolo chiude a +14,5%, Unicredit a +11,9% e Banco Popolare a +11%. Finiscono anche i 6,5 miliardi di Bot messi in vendita dal Tesoro italiano, con una richiesta complessiva di quasi 10 miliardi di Bot.

Le altre borse

Subito dopo Milano, il rialzo più importante è stato quello del listino di Madrid (+2,73%), seguita da Parigi (+1,59), Francoforte(+1,55) e Londra (+0,71). Da segnalare è la forte crescita nel listino di Francoforte del titolo della banca tedesca Deutschbank, che sfiora la doppia cifra di rimbalzo.

All’apertura della borsa, bene anche Nasdaq, che nonostante le dichiarazione riguardo i tassi della Fed guadagna 0,96%

Capitolo Nikkei

Tutt’altra questione è quella giapponese. L’indice Nikkei di Tokyo perde quasi il 2,3%, raggiungendo quota 15713 punti base. Da metà del 2015, la borsa nipponica ha perso più del 20% del proprio valore. L’ultimo tracollo è stato determinato sia dal forte rafforzamento dello yen, che secondo gli investitori significa per il mercato giapponese un forte handicap in termini di esportazione, sia da un ancora incerto stato di salute delle banche. Calano anche produzione ed esportazione.

 

About The Author

Da sempre appassionato di economia, la studia con passione approfondendo gli aspetti legati ai mercati finanziari. Nella vita quotidiana pratica pallanuoto a livello agonistico e fa parte del gruppo scout con il quale partecipa attivamente alla realtà del territorio.

Leave a Reply

Your email address will not be published.