Il Volume è forse l’elemento più importante da considerare quando si analizza l’andamento di uno strumento finanziario. Ciò poiché movimenti anche importanti, se accompagnati da bassi volumi, perdono di significatività. Da un punto di vista logico la precedente considerazione è facilmente spiegata: maggiore è il valore delle transazioni, cioè il volume di (supponiamo per esempio) azioni scambiate, più alto sarà il numero di operatori che sono entrati in quella posizione (o comunque più alto sarà il numero di titoli scambiato). Entrambe le alternative avvalorano il movimento: nel primo caso perché il movimento è stato notato e condiviso da più operatori, nel secondo perché, seppur il numero di investitori può esser più ridotto, questi, muovendo un maggior numero di titoli, danno prova di maggior fiducia.

Tipicamente quindi il Volume, graficamente rappresentato da barre in stile istogramma sul bordo inferiore del grafico del prezzo, è misurato in termini assoluti: cioè come controvalore delle transazioni effettuate nel periodo di riferimento (tipicamente un giorno) sullo strumento. Spesso comunque, per esigenze di conformità tra strumenti finanziari con valori differenti, il volume è calcolato semplicemente come numero di titoli scambiato.

È importante evidenziare che è anche possibile calcolare medie mobili sui volumi. Questo permette all’operatore di individuare facilmente se il volume attuale è superiore o inferiore rispetto alla media degli ultimi n periodi. Anche qui valgono le analoghe conclusioni valide per le medie: i metodi di lettura sono sempre quelli dati da rotture delle linee od intersezioni tra esse.

Esistono comunque diversi indicatori che l’analisi tecnica fornisce per permettere al trader un più accurato monitoraggio ed una più approfondita lettura dei volumi. Con il seguente elenco si cercherà di presentarne quanti più possibile, senza però presunzione di esaustività.

On Balance Volume (OBV)

Sviluppato da Joe Granville, è un indicatore di momentum che mette in relazione il volume e la variazione di prezzo. È basato di default su 9 periodi e si calcola algebricamente come semplice somma cumulata del volume. Se il prezzo di oggi è, per esempio, maggiore del prezzo di ieri, tutto il volume del giorno è considerato in crescita. Viceversa nel caso di una chiusura negativa dello strumento. In questo modo è possibile definire se i capitali stanno affluendo o defluendo verso/dallo strumento.

Da un punto di vista teorico l’OBV si basa sull’assunzione che le cosiddette “mani forti” (i grandi investitori specialmente istituzionali che muovono ingenti capitali) si muovono in anticipo rispetto alla massa e sono proprio loro che danno il via a movimenti rialzisti o ribassisti. Secondo questa assunzione quindi, una variazione dei volumi anticipa una variazione del prezzo. Nel caso in cui invece fosse il prezzo ad anticipare il movimento dell’OBV si ha una “non conferma”. Questa tipicamente si verifica sul massimo di un mercato rialzista o sul minimo di uno ribassista.

Oscillatore di Volume

Come già accennato nell’introduzione, sul volume possono essere calcolate anche diverse medie mobili. L’Oscillatore di Volume è un indicatore utilizzato per calcolare la differenza tra due medie esponenziali (a 10 ed a 20 periodi) del volume dello strumento finanziario. Questa differenza è esprimibile sia in termini assoluti che percentuali.

Tipicamente si utilizza per cercare di prevedere una crescita/riduzione del volume. Questo strumento oscilla intorno allo zero. Quando si muove sopra di esso significa che la media a breve è sopra quella a più lungo termine (trend rialzista) e viceversa.

Per completezza espositiva si ricorda che con prezzi rialzisti e volumi crescenti o con prezzi ribassisti e volumi decrescenti, il trend sia rialzista (e viceversa).

Cumulative Volume Index (CVI)

Indicatore di momentum che valuta il movimento di fondi in entrata ed in uscita dall’intero mercato azionario aggiungendo la differenza dei volumi (tra positivi e negativi) ad un totale precedente. È molto simile all’OBV poiché entrambi mostrano la direzione dei volumi. La maggiore differenza tra i due risiede nel fatto che l’OBV è calcolato solo su una precisa security mentre il CVI sul mercato azionario nella sua totalità, permettendo così sia un quadro di insieme più ampio che l’individuazione di eventuali divergenze tra esso e gli indici di mercato.

Come siamo soliti fare, aggiungiamo un grafico a fine articolo per permettere al lettore di ottenere una visione anche grafica dei concetti che sono stati discussi.

volumi

Volumi con i grafici

È, infine, anche possibile esprimere i volumi direttamente sui grafici. Esistono due tipologie di grafico che permettono ciò: candlevolume ed equivolume. In ambo i casi il volume dello strumento nel periodo è espresso dalla larghezza della candela (come rappresentato nelle figure in basso), ma l’equivolume, per dare maggiore risalto alla relazione prezzo-volume, non tiene in considerazione il prezzo di chiusura e di apertura rappresentando solo il massimo ed il minimo del periodo.

candlevolume equivolume

About The Author

Laurea Specialistica in Business Management presso La Sapienza (tesi sperimentale trattante il confronto tra Analisi Tecnica e Fondamentale). Laurea Triennale in Economia, Finanza e Diritto per la Gestione d’Impresa con tesi riguardante un'analisi dei multipli di bilancio. Ha atteso un percorso extracurriculare di approfondimento nella Finanza Aziendale ed Internazionale (“Percorso d’Eccellenza”). Pratica Trading Online gestendo autonomamente i propri risparmi da diversi anni. Dopo aver abitato anche a Londra, attualmente vive a Bruxelles. Lettore appassionato e grande sportivo, ama viaggiare.

One Response

  1. Simona Mannarelli

    Articoli molto interessanti, concisi ed efficaci.

    Le notizie che vengono date e le analisi che vengono effettuate sono utilissime e comprensibili anche ai meno esperti, grazie alla capacità degli autori di usare un linguaggio molto chiaro, che rende anche le informazioni, per così dire più tecniche, comprensibili ai più.
    Mi piace molto l’idea di poter trovare, su questo sito, informazioni che non troverei sicuramente altrove.

    Continuate così…!!!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.