Ore 3 e 25 di domenica 20 dicembre, la Camera dei Deputati approva il Ddl Stabilità con 297 voti a favore, 93 contrari e quattro astenuti. tra sbadigli, occhiaie e caffé la manovra finanziaria passa dunque all’esame del Senato con una zavorra più pesante, di ben 30 miliardi. Da lunedì, quindi, la parola passa a Palazzo Madama per la quarta lettura dove, se non ci dovessero essere ulteriori cambiamenti, potrebbe diventare legge.
Nella stessa notte il Consiglio dei ministri ha approvato la nota di variazioni al bilancio di previsione dello Stato per il 2016-18 per recepire le norme introdotte.

Tante le modifiche introdotte, in tema di banche, sicurezza e cultura. Abolita la Tasi per tutte le prime case, abolite le clausole di salvaguardia che dal primo gennaio 2016 avrebbero fatto aumentare Iva e accise per 16,8 miliardi di euro. Tra le novità, anche quella riguardante il canone Rai che da gennaio 2016 (sempre se il Senato confermerà), verrà pagato direttamente nella bolletta elettrica. Sale da 1000 a 3000 euro il tetto per i pagamenti in contanti.

Tutte le misure

  • Vengono sospese le clausole di salvaguardia per un valore di 16,8 miliardi di euro per il 2016 che avrebbero fatto scattare l’aumento di Iva e accise.
  • Abolita Imu e Tasi sulla prima casa, sui terreni agricoli e sulle attrezzature cosiddette “imbullonate”, per un valore complessivo di 19 miliardi di euro. Oltre a questo sarà possibile scontare il 50% dell’Imu nel caso in cui la seconda casa sia data in comodato a figli o genitori a patto però che il comodato sia registrato e si possederà al massimo una casa oltre a quella “prestata”. Previsto uno sconto Tasi anche per chi è separato.
  • Introdotti sgravi Irap per attività agricola, introdotto bonus Irpef del 50% per le ristrutturazioni edilizie e del 65% per gli interventi di miglioramento energetico per tutto il 2016.
  • Innalzato da 1000 a 3000 euro il limite per l’utilizzo di contante nei pagamenti, ma per la pubblica amministrazione il limite dei pagamenti da effettuare cash resterà di 1000 euro.
  • Per l’emergenza terrorismo e la cultura, stanziati 2 miliardi alzando da 2,2 a 2,4% il rapporto deficit Pil (manovra nelle possibilità dell’esecutivo senza attendere il via libera dalla Commissione europea).
  • Esteso anche alle forze dell’ordine il bonus degli 80 euro, mentre 150 milioni andranno a finanziare la lotta al cyber crime.
  • Per i pensionati (e aspiranti tali) prevista la settima salvaguardia per gli esodati della legge Fornero e ampliata la no tax area già dal 2016 (sarebbe intervenuta dal 2017).
  • Portata da 7.750 a 8 mila euro l’esenzione fiscale per gli ultra 75enni.
  • Opzione donna: le lavoratrici tra i 57 e i 58 anni, con 35 anni di contributi versati potranno andare in pensione seppure con una penalizzazione.
  • Come già anticipato, verrà introdotto il fondo di solidarietà per i piccoli obbligazionisti colpiti dalla crisi di Bancha Marche, Popolare Etruria, Carife e CariChieti.
  • Per quanto riguarda il sud, vengono introdotte misure per favorire lo sviluppo delle aree sottosviluppate: credito d’imposta per 4 anni per chi investirà in macchinari, impianti e attrezzatura. Prorogati gli sgravi per chi assume anche nel 2017.
  • Rottamazione Camper: 8 mila euro di contributo a chi passerà ad un euro 5.
  • Sul fronte sanità prevista l’assunzione di medici e infermieri.
  • Previsti pagamenti bancomat anche per cifre molto basse e per il parchimetro delle strisce blu.
  • Novità sul fronte degli autovelox che potranno accertare anche la validità delle assicurazioni dei veicoli e le revisioni degli stessi.
  • Stoppata la supertassa per gli yatch di lusso son lunghezza superiore a 14 metri, introdotta dal governo Monti.
  • I giovani che nel 2016 compiranno 18 anni avranno una card di 500 euro da spendere per libri, eventi culturali, concerti, cinema e musei. Previsto inoltre un bonus di mille euro una tantum per acquistare strumenti musicali nuovi da parte di studenti iscritti al conservatorio. Stanziati 23 milioni di euro per fondi alle scuole Statali e Paritarie.
  • Il canone Rai scenderà da 113,5 euro a 100 euro e sarà legato al possesso di un apparecchio Tv; dal 2016 si pagherà all’interno della bolletta della luce.
  • Famiglie: i neopapà avranno due giorni, anziché uno di congedo obbligatorio per la nascità dei nuovi figli. Prevista una card con sconti per le famiglie numerose.
  • Fondo sanitario nazionale: nel 2016 sarà di 110 miliardi, ci saranno assunzioni con concorsi straordinari per medici e infermieri, di cui un 50% sarà riservato ai precari della sanità pubblica.

About The Author

Giornalista professionista dal 1999, ha scritto per il primo quotidiano giuridico on line (DirittoeGiustizia.it, Giuffré editore), per il quale è stata cronista parlamentare. Si è occupata di lavori parlamentari e giustizia, quindi di comunicazione istituzionale lavorando alla Presidenza del Consiglio, Dipartimento per gli Affari regionali e al Dipartimento per i Rapporti col Parlamento. Ha collaborato con il gruppo Sole 24ore, ha lavorato per giornali on line e ha curato la comunicazione per associazioni forensi. Continua a fare attività come educatrice scout.

Leave a Reply

Your email address will not be published.