Fare forex presuppone la conoscenza dell’analisi tecnica, di cui abbiamo già parlato in uno scorso articolo, e quella dell’analisi fondamentale. Quest’ultima è sostanzialmente l’effetto che le notizie economiche hanno sulle valute.

Novità economiche come le decisioni sui tassi di interesse o i numeri della disoccupazione, catastrofi naturali o indecisioni ed instabilità politiche, sono tutte nozioni che possono creare forti scossoni nel mercato valutario del forex. Le valute sono molto sensibili a qualunque cosa possa interessare un paese o una zona economica. Potremmo dire che crescono e prosperano in condizioni tranquille, mentre decrescono se ci sono problematiche o preoccupazioni di vario genere.

Quali sono le notizie a cui stare maggiormente attenti e perché?

Annuncio dei tassi di interesse. E’ uno dei dati più importanti in assoluto. Il costo del denaro influenza in maniera notevole l’andamento di una valuta nel mercato forex. Solitamente, se una banca centrale aumenta i tassi il valore della sua valuta sale, in quanto sarà più remunerativo investire in essa e ci saranno più investitori che lo faranno. Al contrario, se i tassi scendono il valore di una valuta decresce per il motivo opposto.

PIL, il Prodotto Interno Lordo. Anche questo dato è importante in quanto il PIL rappresenta l’andamento economico di una zona economica, di una nazione. Se cresce, magari oltre le previsioni, significa che quell’economia sta ben performando e dunque anche la valuta potrebbe salire.

Occupazione e busta paga. Sia il dato relativamente al numero dei disoccupati che quello delle buste paga sono fondamentali in quanto il mercato del lavoro è basilare per un’economia. Se c’è lavoro, ci sono consumi, se il lavoro manca, non ci sono consumi e tutto cade “come un castello di carta”. E’ per questo motivo che bisogna guardare sia al numero dei disoccupati che agli importi medi delle buste paga.

Importazioni ed esportazioni. Entrambi i dati formano la bilancia commerciale (differenza tra export ed import). Se positiva (dunque le esportazioni sono maggiori delle importazioni) significa che c’è stato un maggior acquisto della valuta del paese (le esportazioni vengono pagate, dalle aziende all’estero, nella moneta locale di chi esporta) e il valore della valuta potrebbe salire. Al contrario, potrebbe scendere.

Indice della fiducia dei consumatori. Se c’è prosperità economica i consumatori si sentono più fiduciosi ad acquistare anche beni importanti, come auto o case, per i quali occorre spesso chiedere in prestito del denaro. Questo migliora in generale la situazione economica del paese e, di conseguenza, il valore della valuta.

Situazione politica. Abbiamo lasciato per ultimo questo punto perché non è strettamente correlato all’economia, non perché sia meno importante (anzi, a volte ha un’influenza enorme). Se un paese è instabile politicamente, la valuta ne risente in maniera negativa. Se, invece, un paese ha una guida politica forte e chiara, la valuta gradisce. Non è un caso che sotto le elezioni politiche, di solito, la valuta del paese di riferimento subisce alcuni scossoni e potrebbe perdere valore contro le altre: c’è il dubbio di chi sarà alla guida del paese dopo le elezioni e di quali saranno le sue decisioni in maniera di politica economica.

About The Author

Appassionato di Forex ed investimenti in generale, insieme a Manila sono il proprietario di Mj Web Studio, agenzia web che si occupa di web design, copywriting, SEO. Operiamo principalmente in campi altamente competitivi, come il forex. In maniera specifica nel campo delle valute, la passione ci ha portato ad aprire Forex Trading Italia (http://www.forextradingitalia.it) , sito web dedicato agli investimenti nel mercato delle valute ma non solo: parliamo anche di commodities, investimenti azionari, investimenti sicuri e tanto altro.

Leave a Reply

Your email address will not be published.