Quando si parla di mercato delle valute si entra in un settore particolarmente delicato per chi vuole investire denaro. Le potenzialità di rendimento del mercato valutario sono enormi (ovviamente questo non significa che si possono guadagnare somme esorbitanti nel giro di una sola notte, come vedremo). Intendiamo dire che con un buon investimento iniziale e con l’operatività fatta con la testa sulla spalle, ci si possono togliere delle belle soddisfazioni.

Iniziamo con il dire che guadagnare nel mercato valutario non è da tutti. Di quelli che lo fanno, solo pochi riescono a trarne una rendita mensile adeguata per poter lasciare tutto il resto e fare solo ed esclusivamente trading.

Perché? Le cause sono davvero tante, analizziamo le principali per cercare di capire cosa fare per poter “ovviare”.

Errore nella strategia che si usa. E’ uno degli errori più comuni, usare una strategia sbagliata o poco consona a sé stessi, al proprio modo di approcciare al trading. Capita spesso quando non si conoscono ancora le reazione che si possono avere operando (ansia, euforia, etc) o si hanno ancora le idee poco chiare su come poter investire e, per questo motivo, si copiano le strategie di altri traders (Social Trading).

Paura di perdere. E’ questo probabilmente il maggior rischio di chi fa trading: l’approccio al denaro. Se si ha troppa paura di perdere, si finirà per farlo. Nessuno ama perdere denaro, è un dato di fatto, ma tutti perdono (anche i più bravi). Se si vuole guadagnare nel Forex bisogna necessariamente accettare eventuali perdite ed il rischio. Bisogna tenere sempre a mente la relazione rischio-rendimento… ed in ogni caso, nonostante il possibile utilizzo di alte leve, data l’elevata liquidità, il Forex risulta essere uno tra i mercati finanziari più prevedibili e tra quelli caratterizzati dalla più bassa volatilità (dovuta anche all’elevato numero di operatori).

Eccessiva sicurezza. Quando si inizia ad investire e si inizia ad avere successo c’è il rischio di sviluppare un’eccessiva sicurezza, problematica dannosa tanto quanto la troppa paura di perdere denaro. Bisogna rimanere sempre con i piedi saldi per terra, in maniera da non commettere sbagli da principianti, ed investire sempre consciamente. Bisogna sempre temere il mercato, altrimenti si rischia di fare sciocchezze.

Scelta del broker sbagliato. Purtroppo capita anche questo. La scelta del broker sbagliato è una delle cause più banali con le quali poter perdere denaro. A volte, per la fretta di iniziare si sceglie il primo broker che capita, senza controllarne le credenziali. Ad esempio:  è autorizzato ad operare in Italia? Ha una sede fisica in un paese dell’Unione Europea? Offre un servizio di assistenza professionale? Ha un numero di telefono fisso (meglio se verde) a cui poter contattare qualcuno? Dà la possibilità di aprire un conto demo per provare la piattaforma? Sono tutte domande importanti a cui rispondere prima di investire denaro reale. E ricordate: se offre dei bonus troppo belli per essere veri, diffidate!

Come abbiamo visto sono tanti i pericoli che si corrono nell’operare nel Forex ed a cui bisogna necessariamente stare attenti. Se avete in mente di iniziare a fare trading e volete realmente guadagnare denaro, non è sufficiente avere buona volontà.

Occorre preparazione, competenza, rimanere aggiornati sul mercato seguendo magari un sito di Forex o un forum di settore, e un pizzico di spericolatezza e amore per il rischio non guastano mai.

About The Author

Appassionato di Forex ed investimenti in generale, insieme a Manila sono il proprietario di Mj Web Studio, agenzia web che si occupa di web design, copywriting, SEO. Operiamo principalmente in campi altamente competitivi, come il forex. In maniera specifica nel campo delle valute, la passione ci ha portato ad aprire Forex Trading Italia (http://www.forextradingitalia.it) , sito web dedicato agli investimenti nel mercato delle valute ma non solo: parliamo anche di commodities, investimenti azionari, investimenti sicuri e tanto altro.

Leave a Reply

Your email address will not be published.